Corso di specializzazione in Psicoterapia Familiare e Relazionale

Il Corso di Specializzazione in psicoterapia familiare e relazionale, tenuto dall’Istituto di Alta Formazione e di Psicoterapia Familiare di Firenze, ha una durata di quattro anni, che si suddividono in due bienni.
Nei primi due anni l’insegnamento è focalizzato nell’apprendere le nozioni base e complesse della psicopatologia relazionale, permettendo all’allievo alla fine del biennio di sviluppare elevate capacità diagnostiche. L’accesso a questa abilità è appresa in un dialogo continuo con altri ambiti teorici, quali la lettura psicodinamica e psiconalitica, la prospettiva neurobiologica e dell’attaccamento, oltre alla acquisizione di particolari capacità, che vanno al di là dell’intelligenza analitica sequenziale, ovvero la lettura simbolico-metaforica attraverso il corpo o le immagini verbali o non verbali. Questo elevato livello di articolazione è coerente con l’epistemologia di base che è l’ottica sistemica e la teoria della complessità.
Nel terzo e nel quarto anno, l’allievo attraverso il laboratorio/risorsa “gruppo”, in una continua supervisione formativa, accede alla comprensione del processo terapeutico nelle sue diverse fasi, applicando la clinica del modello della psicoterapia familiare e relazionale alle patologie, nei differenti contesti familiari e sociali.
L’allievo acquisisce quindi l’abilità di discriminare ed effettuare un processo terapeutico, scegliendo ed usando il setting più indicato: individuale, familiare o di coppia.
Sviluppa inoltre anche la capacità di dialogare in rete sia con colleghi psicoterapeuti o psichiatri di ambito clinico diverso che servizi di cura.

Durata dei corso:
4 anni, per un totale di 2000 ore, suddiviso in:

  • MODULO TEORICO di centoventi ore suddivise in sessanta per la parte generale e sessanta per la parte specifica;
  • MODULO RELAZIONALE di duecentocinquanta ore suddivise in centosessanta di lavoro specifico teorico-pratico, personale e clinico, cinquanta di esercitazioni clinico-pratiche guidate da un didatta o da un tutor (Seminario Grandi Autori, Seminario sul Processo Terapeutico, Osservazione guidata di nastri video di terapia etc.) e quaranta di seminari su argomenti specifici;
  • TIROCINIO di centotrenta ore.​ Quest’ultimo viene svolto presso strutture pubbliche operanti nell’ambito della salute mentale, convenzionate con l’Istituto.

Numero massimo di allievi per corso: 20

Condizioni di ammissione:
Ai Corsi sono ammessi solo i Laureati in Medicina e Chirurgia o in Psicologia.
Ogni candidato deve presentare una domanda di ammissione al colloquio corredata dalla copia del certificato di laurea e da un curriculum, per chi la avesse già conseguita anche dell’abilitazione.
I candidati verranno selezionati attraverso un Colloquio di Valutazione.

Condizioni di partecipazione e frequenza:
Al candidato viene comunicato l’appuntamento per il colloquio preliminare selettivo della durata di 45 minuti c.a. tenuto dal Direttore (ripetuto da un altro didatta nei casi dubbi), e viene valutato il curriculum.
Solitamente i colloqui si svolgono da giugno a novembre di ogni anno.
Il colloquio ha lo scopo di valutare la maturità personale del candidato, la sua predisposizione al lavoro con gruppi e famiglie, la sua disponibilità ad apprendere l’ottica relazionale, nonché di evidenziare eventuali rischi personali che possano sconsigliare l’ammissione alla formazione.
Aver effettuato o effettuare la psicoterapia personale, seppur fortemente consigliato, non è obbligatorio. In alcuni casi specifici, però viene indicato di farla prima di accedere alla formazione o durante la medesima.

Assenze:
Agli esami annuali non vengono ammessi gli allievi che, dalle risultanze dei registri di Corso e dal Libretto di Formazione personale, abbiano superato il 20% delle assenze, salvo la possibilità di percorsi integrativi alla fine del quadriennio, concordati annualmente con gli interessati. In ottemperanza al dettato del MIUR non possono essere ammessi al secondo biennio gli allievi che non abbiano completato il monte ore del tirocinio del primo biennio pari a 260 ore.

Costi:
Iscrizione: Euro 270,00 per ciascun anno (esente IVA ai sensi art. 10, n. 20 del D.P.R. 633/72 e successive modificazioni ed integrazioni)

Corso di Specializzazione: Euro 4000,00 per ciascun anno (pagabili in 10 quote mensili di Euro 400,00)
(esente IVA ai sensi art. 10, n. 20 del D.P.R. 633/72 e successive modificazioni ed integrazioni)

Organizzazione e Conseguimento del titolo:
Il corso di durata quadriennale ha inizio ogni anno, tendenzialmente nel mese di Gennaio. Il Modulo Relazionale (pre-training e training) si articola in incontri quindicinali di otto ore, sempre lo stesso giorno della settimana. Il Modulo Teorico Parte Specifica (CIOR) per il primo anno si tiene di Sabato una volta al mese per 12 mesi. Il Modulo Teorico Parte Generale (Lezioni teoriche) é riunito in fine settimana (Venerdì e Sabato) durante l’anno. I seminari sono di Venerdì e/o di Sabato. L’orario della giornata di lavoro è orientativamente dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle18.
L’istituto dispone di aule con specchio unidirezionale e strumentazione audiovisiva per la supervisione clinica diretta ed indiretta. Gli studenti potranno accedere alla Biblioteca ed alla Videoteca dell’Istituto per le loro necessità di aggiornamento.
Gli esami annuali sono teorico-pratici. La valutazione delle acquisizioni teoriche é relativa sia agli insegnamenti teorici seguiti dall’ allievo, sia alla teoria della clinica in indirizzo psicoterapeutico specifico dell’ istituto.
La valutazione pratica é relativa alle acquisizioni di una adeguata competenza professionale nell’indirizzo psicoterapeutico specifico dell’ Istituto ed al conseguimento di adeguate competenze relative alla conduzione della relazione interpersonale e specificatamente psicoterapeutica.

La prova finale è costituita da:
– La parte teorica che è volta a verificare le acquisizioni di teoria generale e della clinica, complessivamente impartite nel corso della formazione, anche attraverso la valutazione della discussione della tesi e della relazione di un seminario prodotti dall’allievo.
– La parte pratica della prova finale prevede, secondo le modalità stabilite nel Regolamento d’Istituto, l’esposizione critica, argomentata, di una terapia familiare conclusa dall’allievo e dalla sua équipe, con particolare attenzione alla descrizione del contesto terapeutico in cui ha avuto luogo il contratto, all’ipotesi diagnostica che ha orientato le scelte terapeutiche, sia sul versante individuale che familiare, all’attenzione a risorse e limiti del sistema osservato per quel tipo di psicopatologia.
L’elaborato scritto potrà essere accompagnato da una videoregistrazione attestante i passaggi significativi del processo terapeutico.
Inoltre l’allievo dovrà superare una prova pratica clinica consistente in un commento (sempre scritto) che segue all’osservazione di una prima seduta familiare videoregistrata. L’allievo deve rispondere ai seguenti quesiti sulla seduta osservata: 1°) Quale diagnosi relazionale – 2°) Quali obbiettivi e quale progetto di trattamento, con descrizione di un ipotetico processo terapeutico – 3°) Quali prognosi – 4°) Quali difficoltà personali l’allievo pensa che avrebbe con quella famiglia se fosse il terapista.
Tali elaborati verranno discussi pubblicamente dalla Commissione di Tesi che il Consiglio dei Docenti nominerà all’uopo composta da almeno tre Docenti principali, di cui uno di un altro Istituto affine.
La Valutazione Finale sarà espressa in 90esimi e verrà riportata sul Diploma di Specializzazione.

Menu